in

Preferisco stare sola piuttosto che accontentarmi della compagnia di chiunque.

Corrono come se avessero il fuoco sotto il sedere in cerca di qualcosa che non si trova.Si tratta fondamentalmente della paura di affrontare se stessi, si tratta fondamentalmente della paura di essere soli.

Invece a me fa paura la folla.

(Charles Bukowski)

La evitiamo come la peste. La scongiuriamo in tutti i modi possibili. Eppure la solitudine sembra essere la migliore compagnia che possiamo riservare a noi stessi.

Solitudine è lo specchio di ciò che porti dentro. Quando sei triste assume il peso di una pesantissima condanna. Quando sei sereno e in pace con te stesso, te la godi quale migliore momento di introspezione e comunione con te stesso.

La solitudine è come una lente d’ingrandimento: se sei solo e stai bene stai benissimo, se sei solo e stai male stai malissimo.

(Giacomo Leopardi)

E’ difficile accettare qualcosa che potrebbe destabilizzare la nostra serenità mentale ed emotiva. Tutto ciò che veramente riesce a smuoverci dentro ci fa paura. Proprio come quell’amica fidata che, anche quando non vuoi – perchè fa soffrire terribilmente – ci getta addosso le verità più scomode, attentamente celate da un velo di bugie che raccontiamo a noi stessi.

E’ semplice evitare di leggersi dentro. Oggi le distrazioni non mancano mai. Pur di non affrontare quello che in fondo dentro noi stessi sentiamo che ci fa male tendiamo ad occultarlo con mille e più impegni.

La solitudine o ci fa ritrovare o ci fa perdere noi stessi.

(Roberto Gervaso)

Chi non possiede un Io abbastanza forte non riesce a reggere la responsabilità che solo la solitudine sa dare. Quando resti completamente solo con te stesso sai di non poter riversare su nessuno la responsabilità di essere felice. Sei solo tu l’artefice e il pilota delle tue decisioni e questo, spesso, fa paura.

Se siamo tristi, se siamo felici dipende solo da noi e dal nostro modo di reagire agli accadimenti della vita. Non possiamo incolpare altri se non noi stessi se dove siamo o come ci sentiamo non ci piace.

La solitudine è indipendenza: l’avevo desiderata e me l’ero conquistata in tanti anni. Era fredda, questo sì, ma era anche silenziosa, meravigliosamente silenziosa e grande come lo spazio freddo e silente nel quale girano gli astri.

(Hermann Hesse)

La solitudine più profonda è una tappa fondamentale nella vita di ognuno. Non si vive bene con gli altri se prima non si è imparato a vivere mi pace con se stessi. Vivere in pace significa anche accettare di avere paura. Accettare di essere fallibili e prendere coscienza del fatto che nella vita si può sbagliare e stare male, malissimo conseguentemente a questi errori.

Solo entrando profondamente in sintonia con la parte più vulnerabile di se stessi si riesce a trovare la forza di non commettere ancora e ancora gli stessi errori e, finalmente, si è più consapevoli del fatto che non sempre ciò che desideriamo sia poi concretamente ciò che ci rende felice.

Non ho mai trovato compagno che mi facesse così buona compagnia come la solitudine. Noi siamo più soli quando usciamo tra gli uomini che quando restiamo in camera nostra.

(Henry David Thoreau)

Il viaggio è nella testa – Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il vino uccide i batteri responsabili del mal di gola. La scienza.