in

Bisogna essere impermeabile: farsi scivolare tutto addosso sorridendo sempre.

Nella vita la cattiveria gratuita è purtroppo all’ordine del giorno. Anche se ti isoli, anche se cerchi di condurre tranquillamente la tua vita senza pestare i piedi a nessuno, è inevitabile.

Ti attrarrai comunque le maldicenze della gente e, spesso, sentirai dire sul tuo conto cose che nemmeno i migliori film di Hollywood hanno mai riprodotto.

E, più continui a farti i fatti tuoi, più le cattiverie sul tuo conto cresceranno esponenzialmente.

La gente quando parla esagera. Si riempie la bocca della tua vita e ci ricama sopra. E’ un disturbo sociale oggi purtroppo molto diffuso: sparlare degli altri con altri per colmare un profondo senso di inadeguatezza interiore.

E’ un bisogno morboso, soprattutto di chi, sentendosi in realtà socialmente non affermato, cerca di accaparrarsi la benevolenza della gente buttando fango sugli altri. Soprattutto su quelli che un ruolo nella società ce l’hanno, e ce l’hanno ben definito.

Su chi, molto probabilità, è ignaro anche della sola esistenza di queste persone. Su chi, sicuramente, a differenza di chi perde il suo tempo giudicando la vita degli altri, nella vita ce la sta facendo veramente.

E’ una forma di invidia.

La più pericolosa, perché non ci si rende conto che, parlare a sproposito della gente è molto rischioso. Non puoi sapere, qualora quella persona lo venisse a sapere, quale potrebbe essere la tua reazione.

Una voce messa in giro potrebbe perfino rovinare la vita di quella persona.

Si sparla tanto di chi invece segretamente si invidia.

Probabilmente la vita della persona oggetto di chiacchiere è molto più interessante di quella di chi invece la giudica.

La gente che prega il suo tempo a sparlare è gente profondamente triste. Persone che trovano sollievo alla loro grigia quotidianità parlando male di altri. Gente che cerca di gettare loro addosso del fango. Gente che così facendo crede di poterli trascinare in basso insieme a loro.

Chi è impegnato a vivere la propria vita invece potrebbe in un primo momento restare male per la cattiveria gratuita della gente. Tuttavia, in un secondo momento, continua a vivere la propria vita, inficiandosene degli altri, perché la gente felice e soddisfatta di sé fa proprio così.

Il viaggio è nella testa – Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non soffrire se sei single. Molte donne hanno uomini che non servono a nulla.

Smettila di inseguire chi non vuole o non sa restare. Si chiama amor proprio.