in

Preferisco rimanere single che con una storia a metà

Quando osservo alcune coppie per strada o al ristorante, vien da pensare se stiano insieme perchè un sito d’incontri gliel’abbia consigliato o perchè ancora esistano i matrimoni combinati.

Starò esagerando, ma a volte viene spontaneo chiedersi: “Ma perchè?”
Possibile che sia svanito l’amor proprio e il desiderio di sentirsi veramente felici? Possibile che siamo disposti ad accontentarci di qualcuno, per questo o quell’aspetto in comune ma poi…il vuoto!


Un rapporto va alimentato quotidianamente e vissuto appieno senza riserve. Senza dubbi, senza lamentele continue, senza quel rinfacciarsi ad ogni occasione utile tutto ciò che non ci piace dell’altro.

Perchè nessuno è obbligato a stare con nessuno. Vi fa così schifo godervi la libertà di conoscervi “in solitudine” e capire realmente cosa cerchiamo in un’altra persona?

“Ci sono persone che si sposano per un colpo di fulmine e altre che rimangono single per un colpo di genio.”(Peanuts)

A volte si può definire un colpo di genio semplicemente ammettere che facciamo finta di non vedere, di non capire o che sia tutto ok quando in realtà dentro soffriamo da cani.

Regaliamo dei “Vabbè è fatto così” per giustificare ogni stranezza o gesto che è lontano anni luce dal nostro modo di fare.

Tratteniamo la gelosia, concediamo spazi che nemmeno noi stessi ci prendiamo il lusso di avere. Quanti di voi leggendo queste righe si staranno immedesimando parola dopo parola in questa sorta di storie a metà?
Quanto ancora pensate di far tirare la corda?

“Apparentemente il single è colui che tiene molto alla propria libertà. In realtà tiene molto di più all’amore.”(Michelangelo Cammarata)

Siete ancora convinti che star da soli significa necessariamente essere infelici? Infelici per chi? Per gli altri che fingono di tenersi la mano e poi fanno a gara la notte su Instagram a scambiare messaggi?

Pensate invece quanto tempo si ha quando l’unica compagnia siete voi stessi e non farete altro che scoprirvi e imparare a capire cosa vi piace per davvero.

Magari siete stati sempre così impegnati a soddisfare qualcuno o a rinnegare i vostri interessi che ormai avete perso anche la vostra identità. Rifletteteci, non è mai troppo tardi.

Il viaggio è nella testa – Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Una persona intelligente ha sempre qualcosa da ‘non dire’…

Sindrome da bontà/falsità natalizia. A Natale sono tutti più buoni o più falsi?