in

I gioielli più preziosi che ho al collo sono le braccia dei miei figli.

Decidere di avere un figlio è una scelta radicale. È decidere di avere per sempre il proprio cuore che cammina per il mondo, fuori da proprio corpo
(Elizabeth Stone)

Essere una mamma è meraviglioso. Non riusciremo mai a capire cosa significhi essere chiamata mamma.

Cambia completamente la tua vita quando lo diventi. Cambiano le tue esigenze, le tue priorità. Cambi tu.

Tutto ciò che prima facevi per te stessa adesso non ha più lo stesso significato. La tua priorità è la felicità dei tuoi figli e farai di tutto affinché ciò avvenga.

Non ti sentirai mai più sola quando diventerai mamma. Con te e soprattutto dentro di te avrai sempre loro.

Non avrai più i tuoi spazi, il tuo tempo libero… Ma questo è il meraviglioso prezzo da pagare per non essere mai più sola.

Prima di diventare mamma probabilmente non conoscevi veramente te stessa. Quando dai alla luce un figlio diventa tutto più chiaro. C’è solo lui e soltanto lui al centro della tua vita.

Una piccola creatura che ha bisogno di te e per cui devi essere un punto di riferimento per tutta la vita.

Per ognuno di noi esiste un punto di riferimento. Vero, puro. Il mio è 50 anni di vita assieme. 50 anni d’amore. Di costruzione, sostegno, fiducia, rispetto. Giorno dopo giorno, passo dopo passo. A te, mamma, come figlio, la mia gratitudine e amore.

(Fabrizio Caramagna)

Prima di diventare mamma non conoscevi a fondo la parola amore. Capisci cosa significhi veramente amare solo quando due piccoli occhietti ti guardano fino a sfiorarti l’anima.

E non hai bisogno di nulla. E quei piccoli occhi sono il tuo mondo. Tutto ciò che vorresti è vedere quel piccolo visino sorridere…

Se non sai perché un bambino sulla giostra saluta i genitori ad ogni giro e perché i suoi genitori gli rispondono sempre, non capisci la natura umana. (Tammeus)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le donne sono fatte per sopportare i tacchi, non gli imbecilli. (Bukowski)

A ricordarmi del bene che ho fatto ci pensano i lividi che mi hanno fatto.