in ,

Non correre dietro a qualcuno che sta bene anche senza di te.

Il mio amore è marcito in odio. Ma non odio te, odio me perchè ero tuo complice.

Tutte le relazioni più coinvolgenti nascono come un fulmine a ciel sereno, tanto inaspettate quanto sorprendenti.

Come se fosse già scritto, come se le coincidenze nello scoprirsi venissero fuori così naturalmente da mille Whatsapp, foto, incontri: tutto meravigliosamente perfetto. Sembra una favola.. e poi scopri di avere accanto una Crudelia De Mon.

In un mondo dominato dalla frenesia del desiderio fisico e dai sentimenti ad alta velocità, perdere il controllo è un attimo. Impazzisci per ogni suo dettaglio, semplicemente perchè lei ci sa fare. Sa come prenderti, sa come scavare tra le tue fragilità e traccia giorno dopo giorno il sentiero per catturare la tua fiducia. Perdi lucidità, mandi in fumo tutto ciò che contava per te prima di lei, sei sempre distratto perchè lei è sempre lì con te.


Una tempesta di sensazioni, capace di farti sprofondare nel buio dell’inferno e un attimo dopo gioire, manipolandoti con una chiamata o un incontro inaspettato.


Una volta piantato il seme dell’”amore”, sei finito. Sei malato e non lo sai, perchè l’ossessione annebbia ogni capacità di ragionare. Non ascolti più nessuno, tralasci il tuo lavoro, i tuoi hobby e sopratutto te stesso.

A volte percepisci segnali che ci sia qualcosa di strano, ma la giustifichi. Neghi, poi ingoi il rospo e tutto torna come prima. E’ un loop inarrestabile, perchè pensi di star bene, ti convinci che quello sia il paradiso ma poi un giorno, la sua maschera da angelo cade. Semplicemente perchè si è stancata della sua preda, ha ottenuto tutto quel che voleva, ti ha prosciugato dentro e fuori e…ora?

Spiegazioni non te ne dai più, soffri, ti tormenti ma poi ti rassegni. Eri solo un’altra delle sue figurine da collezionare. Allora volti pagina, promettendoti di non cascarci più, di diventare tu il cattivo ma la rabbia prima o poi passa. Rimangono le cicatrici, a ricordarti chi non dovrai più essere.

Mi hanno insegnato a non odiare i miei nemici Ma non ne avevo mai amato uno Quando ci siamo conosciuti, si sapeva già che uno dei due avrebbe perso Ma come potevo vincere con te? Non provi niente, sei un rettile vestito da essere umano Quello che hai fatto a me e quello che hai fatto a te stessa Lo farai a tutti e per sempre perché sei un buco nero Perché questa è la tua natura Ma io ho smesso di essere una tua vittima, tu non smetterai mai di esserlo. “Marracash – Crudelia”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mia sorella può non essere sempre al mio fianco, ma è sempre nel mio cuore.

E’ finita non quando ti allontani, ma quando non ci pensi più.