in

A volte per legittima difesa spariamo. Voce del verbo sparire.

Qual è uno dei trucchetti usati dai maghi che ci lasciano più a bocca aperta? Sicuramente la sparizione.

Chi non ha mai desiderato di poterlo fare? Il brivido di un momento, la mancanza di coraggio per affrontare la realtà o semplicemente la voglia di alienarsi e staccare la spina. Siamo portati a pensare che sia fin troppo facile raccogliere le proprie cose e andarsene. Alcuni lo chiamano menefreghismo, mancanza di spina dorsale. E se fosse invece legittima difesa?


Ho imparato a sparire. Nessuna magia: solo dignità.

(ltrimenti, Twitter)

Ogni giorno ascoltiamo e subiamo sulla nostra pelle tante di quelle ingiustizie che travalicano i limiti della sopportazione. Bisogna aver pazienza, ma a quale prezzo?

Chi ci fa star male lo sà, chi mette a dura prova i nostri nervi non può pensare di trovarsi di fronte un automa pronto a dir sempre di sì a tutto. Ecco che a quel punto trovo più coraggioso chi si ribella a questi meschini meccanismi e spicca il volo per rispetto di sè stesso.


Da chi non ti senti amato, allontanati. Da chi non ti senti rispettato, fuggi.

(martamj32, Twitter)

Sparire è un pò sopravvivere, trasformando un atto di codardia in amor proprio. Nessuno può più incatenarci, siamo liberi di scegliere di essere la nostra priorità! Mandate al diavolo i cliclè della società, i sensi di colpa e tutti quei discorsetti che gli amanti dell’etica hanno sempre cercato di imporci.


La realtà non mi impressiona. Io credo solo nell’ebrezza, nell’estasi, e quando la vita ordinaria mi incatena, scappo, in un modo o nell’altro. Nessun muro mi può bloccare.

(Anaïs Nin)

Siam diventati tutti così bravi con un computer, ma spesso dimentichiamo che ad ogni errore che si presenta c’è sempre un tasto Esc che ci aiuta a ripartire e a risolvere il problema. Applicatelo nella vita e abbiate il coraggio anche di fuggire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Io ci ho sofferto. Ma ricorda: tu ci hai perso.

I segreti condivisi devono sopravvivere, anche se l’amicizia finisce.