in

Accontentarsi: se dovessi descrivere l’infelicità lo farei così.

La vita è un’affacciata alla finestra.

Questo dovrebbe essere lo slogan appeso alle nostre porte prima di uscire di casa. La vita può essere breve ma allo stesso tempo intensa. Come si fa a renderla tale? Immaginate di esser voi a scegliere la balconata e sopratutto il panorama da osservare. Vi accontentereste di un semplice paesaggio o preferireste ammirare le meraviglie che sognate ogni notte?


Cerca di ottenere sempre ciò che ami o dovrai accontentarti di amare ciò che ottieni.
(Anonimo)

Pensiamo troppo spesso di essere nelle mani di un abile burattinaio che anima i nostri destini, limitandoci a godere di ciò che ci viene concesso. Ma dalla notte dei tempi le migliori conquiste si sono ottenute ribellandosi. Perchè devo vivere con qualcuno che penso di amare ma di cui non mi fido? Perchè devo lavorare sodo senza che una minima gratificazione? Perchè devo accettare ogni ingiustizia, anche oltre la mia libertà?

Ho dei gusti semplicissimi; mi accontento sempre del meglio.
(Oscar Wilde)

L’unico limite che abbiamo è solo quello che ci imponiamo, perchè scegliamo di accontentarci. Nessuno ci vieta di mandare al diavolo quella persona che ci fa star bene, ma così così. O di ambire ad un lavoro migliore e soddisfacente, seppur sacrificando il nostro tempo libero o le nostre finanze. O ancora, di manifestare contro le disparità che la società ci impone.


Tenetevi pure i sentimenti misurati, i sogni calibrati, i rischi calcolati.
Io scelgo i tuffi al cuore, i brividi nello stomaco, le corse sulle nuvole e i colori fuori dai margini.
(Fabrizio Caramagna)

Una volta un vecchio anziano, stanco delle mie lamentele e dall’alto della sua esperienza, mi disse che chi si accontenta di un assaggio resta affamato tutta la vita. Non lasciamo nulla di incompiuto, nessuna fame da saziare e scoprirete la bellezza di ogni giorno vissuto pienamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La miglior medicina è la musica: ci insegna a vedere con l’orecchio e a udire con il cuore.

Certa gente discende dalla gallina: mette il becco dappertutto.