in

Un bambino sulle spalle del suo papà: nessuna piramide sarà mai più alta.

Ho sempre desiderato vestirmi da eroe. Ma i vestiti di mio padre mi vanno larghi. (Lady_VAFFA, Twitter)

Esiste un posto nel mondo in cui ogni bambina si sentirà sempre al sicuro: è tra le braccia accoglienti e forti del suo più grande amore, il suo papà.

Quando sei bambina ogni emozione è amplificata. Ogni cosa è una scoperta ma allo stesso tempo si è così fragili e vulnerabili emotivamente da avere bisogno di un porto sicuro in cui rifugiarsi quando il buio – coi suoi più spaventosi mostri – fa paura.

Quando hai quelle braccia forti a cui aggrapparti anche sotto al letto o dentro l’armadio sei in grado di sentirti forte.

Ed è proprio così. Qualsiasi bambino – anche il più coraggioso – ha bisogno di trarre questo coraggio da qualcuno forte di cui si fida. Lo sviluppo mentale ed emotivo del bambino è favorito dalla presenza di un padre presente.

Un padre presente è un uomo che magari sta anche fuori tutto il giorno per provvedere al sostentamento economico della propria famiglia, non necessariamente un padre presente sempre fisicamente.

La differenza tra un uomo che ha semplicemente messo al mondo un figlio e un uomo che è diventato padre è abissale. Si può essere padre sempre, ma ci vuole tanto impegno e amore per essere un vero papà.

Quei ricordi dolci di quando eri bambina ti accompagnano da sempre. Quella sensazione di serenità e di protezione anche se solo lui entrava nella stanza e ti sorrideva non la potrai mai scordare.

Un genitore non è perfetto. Essere un genitore è davvero una sfida. Spesso si cresce crescendo insieme ai propri figli e – per immaturità ed inesperienza – si commettono tanti errori.

Tutti i papà hanno il loro fischio speciale, il loro richiamo speciale. Il loro modo di bussare. Il loro modo di camminare. Il loro marchio sulla nostra vita. Crediamo di dimenticarcene, ma poi, nel buio, sentiamo un trillare di note e il nostro cuore si sente sollevato. E abbiamo di nuovo cinque anni: stiamo aspettando di udire i passi di papà sulla ghiaia del vialetto.
(Pam Brown)

Quante volte da bambina facevi capolino alla finestra e speravi sempre di vedere quel grande uomo buono. Lo aspettavi lì, sull’uscio della porta, pronto a fargli le feste e a saltargli al collo tanto ti era mancato.

Sono proprio lì, i ricordi di una vita vissuta sotto lo sguardo severo ma tenero di quel grande uomo. Quell’uomo che magari oggi è stanco e con lo sguardo segnato dalle rughe. Il tuo eroe indistruttibile e imbattibile.

La tua persona forte, una persona che oggi forse è meno forte di te, ma le cui bracci ti sapranno sempre regalare serenità e protezione anche di fronte a quei mostri che oggi sono diventati reali, anche se la vita tenta sempre di buttarti un po’ giù, anche se un domani (o purtroppo già oggi) ci hai dovuto rinunciare a quelle braccia… Ma il ricordo di quella sensazione…

Quello… Te lo porterai dentro per sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sarebbe più facile se lo lasciassi andare, il passato.

La tua vita cambierà se lascerai andare le inutili barriere mentali.