in

E poi sono diventata mamma…

Ho così imparato che se ho fame o sete prima viene la tua fame e la tua sete.
Che se ho sonno prima viene il tuo sonno.
Che se sono triste viene prima la tua felicità.
Che se sono stanca viene prima la tua voglia di giocare.

Sono diventata mamma ed ho scoperto sensi che un pochino si erano atrofizzati: l’olfatto ed il tatto per esempio.
Quelle carezze che ci facciamo per addormentarci, quel profumo che hai tra i capelli.
Sempre lo stesso profumo, lo riconoscerei tra milioni di odori.
Quello è il tuo, dolce e morbido come te.
Non dimenticherò mai le nostre notti stretti a mescolarci tra respiri al profumo di latte e amore.
Intere giornate passate a guardarti, a memorizzare ogni centimetro di te.
E per quanto avessi avuto una gravidanza intera per realizzare che saresti arrivato non ho potuto prepararmi a quanto spazio nel cuore avresti preso solo per te.


Nei miei occhi, nei miei pensieri, tra le mie dita.
Tutto tuo.
Sei piombato nella mia vita portando una nuova me fatta di amore e pazienza, di incoraggiamenti e di risate.
Una me che la notte ti guarda dormire e ti bacia le labbra piano piano.
Poi ti disegno un cuore sulla guancia con la punta del dito.


Tu sorridi con gli occhi chiusi ed io sento nel petto un calore che posso solo donare a te, stringendoti forte.
Domani non ricorderai che ho pianto per te, per la paura e la gioia di averti.
Ma non importa.
Quel che conta è che io non dimenticherò.
Per questo le mamme non smettono di amare.
Perché non dimenticano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le donne che rimangono single a lungo sono le più felici.

Grintosi, positivi, creativi e pratici… Le caratteristiche del segno più orgoglioso dello Zodiaco !