in

Figlio unico? No, ho i miei cugini.

Figlio unico e ruolo dei cugini nella propria vita

Viziati, egocentrici, possessivi, intoccabili. E quanto sarebbe lunga la lista di pregiudizi o luoghi comuni che aleggiano sulle spalle di chi, fortunatamente o meno, porta l’etichetta di figlio unico.

Avete mai provato a immedesimarmi nella vita di uno di loro?


Si dice che in molti pretendono di rimanere “unici”, altri se ne pentono successivamente con il rimpianto di non aver mai potuto provare l’esperienza di “appoggiarsi” a un fratello o una sorella.


Tornando a noi, se quella lista fosse falsa, almeno in qualche caso, come immaginate la vita di un figlio unico? Probabilmente, solitaria.

Proprio così. Senza vizi, attenzioni, giocattoli o beni di qualsiasi genere a colmare quell’assenza, non rimangono che giornate trascorse soli con se stessi, immaginando magari due genitori costretti a lavorare o dei nonni che non ci sono più o ipoteticamente troppo lontani per tenerci compagnia.

Forse adesso qualcuno proverà maggior sensibilità per coloro che vivono questa condizione, ma a tutto c’è sempre rimedio.

La ricetta migliore per una solitudine “forzata” è la presenza di qualcuno, in cui circola parte del nostro sangue, che non ti farà mai sentire veramente solo: i cugini.

Non sempre si ha la fortuna di instaurare buoni rapporti, ma quando succede possono diventare compagni fedeli della nostra vita, ben oltre ogni vincolo familiare.


I cugini sono fiori diversi dello stesso giardino.
(Anonimo)

Ciò che rende veramente speciale questo rapporto è la consapevolezza che mentre le amicizie le scegliamo per una miriade di fattori, i cugini “speciali” rappresentano una manna dal cielo, predestinati sì ma di cui non faremmo mai a meno, anzi.

Crescere con qualcuno così, specie quando si è soli, ti fa apprezzare il valore della vicinanza e della condivisione sotto ogni aspetto, perchè già dai primi giochi o dalle prime esperienze vissute fianco a fianco si sviluppano quelle prime manifestazioni di affetto sincero, che potranno essere anche metro nella vita delle future amicizie.


“Cugini di sangue, amici per scelta.” (Darlene Shaw)

Per un figlio unico, la necessità di riempire la propria giornata di impegni e hobby sarà sempre crescente e, successivamente, questa sarà arricchita dai primi compagnetti e via via dagli amici conosciuti.

Tutto ciò, paradossalmente, creerà un senso di solitudine nell’istante in cui si tornerà a casa, senza nessuno attorno, pensando e ripensando a quanto sarebbe stato bello un fratello o una sorella a cui raccontare semplicemente la giornata passata o confidare magari segreti e timori che naturalmente ognuno di noi proverà dall’infanzia all’adolescenza.

Ed è a questo punto che giocano un ruolo fondamentale i nostri cugini, quelli sinceri e legati a noi, che fanno di tutto per colmare ogni vuoto, anche quando i nostri amici vanno via o sono troppo impegnati, perchè essere rami dello stello albero (familiare) trasmette un legame reciproco paragonabile alla fratellanza.


I cugini sono persone con cui ridi e ricordi i vecchi tempi dalla tua infanzia; hai combattuto contro di loro ma sei sempre consapevole che ti ameranno sempre; essi sono migliori dei fratelli e delle sorelle e degli amici, perchè sono entrambe le cose messe insieme. 
Courtney Cox

Ricorderete per sempre i vasi rotti, le scuse per uscire di casa, le marachelle o tutti i racconti seduti nello stesso letto, le serate trascorse a confortarvi dalle delusioni d’amore o semplicemente per una giornata no.

A volte, il carattere o la mancata intesa, possono rendere fratelli e sorelle totali sconosciuti in casa, o ancora peggio gli amici rivelarsi per ciò che non credevamo potessero essere e pronti a ferirci o abbandonarci da un momento all’altro. I cugini, invece, non hanno l’obbligo di condividere casa tua tutto il giorno o l’interesse degli amici di convenienza.

Ci sono perchè vogliono esserci. E vi assicuro che qualsiasi cosa accada, ovunque vi troverete, avrete la certezza di non sentirvi mai soli.
Quindi, cari figli unici, un pezzo di carta non potrà definirvi tali, se nel cuore avrete l’amore dei vostri cugini…

  • JEREMY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Come conquistare un Gemelli? 5 minuti per farlo sorridere, altrimenti scappa!

Cugini della stessa età. Tutti i benefici di crescere e imparare insieme.