in

Non ho smesso mi amarti, ho smesso di aspettarti.

Sei sempre stata una persona prudente; cauta nell’aprirsi con gli altri, attenta nel non farli entrare a caso nel tuo cuore… Ma l’amore non risponde ai logici ragionamenti della testa e ci sei cascata anche tu. Sei finita in quel vortice di felicità e tristezza che l’Amore porta con sè facendoti però sentire così viva… Succede a tutti. Prima o poi tutti ci lasciamo andare alle dolci lusinghe dell’Amore. Questo perchè – anche se qualcuno non lo ammetterebbe mai (soprattutto a se stesso) – abbiamo tutti bisogno di quel qualcuno che, alla fine della nostra giornata, ci scaldi il posto nel nostro letto, sempre così freddo… Abbiamo tutti bisogno di quel calore umano che ci scaldi quando il gelo delle nostre vite ci fa rabbrividire… Ne abbiamo bisogno tutti.

E così, ti sei innamorata, hai dato tutta te stessa ma non è bastato. Alla fine ci si stanca di insistere. Ci si stanca di farsi avvolgere da braccia che non stringono, di impiegare le proprie giornate a pensare o a fare per qualcuno che invece per te non ha mai tempo. E ci si stanca di giustificare. L’amore non finisce… Ed è proprio per quello che ci hai sperato così tanto – e che ancora ogni tanto un po’ ci speri… Ma subentra la stanchezza. Una stanchezza mentale ed emotiva che ti paralizza.

La tua mente è così carica di pensieri, scuse, giustificazioni da non darti mai tregua. Nonostante tutto quell’amore ad un certo punto non puoi continuare a fingere. Fingere che lui ti ami. Fingere che abbia un modo tutto suo di dimostrarti quanto tu sia per lui importante… Fingere con te stessa.

Ci avveleniamo la mente e l’anima continuando ad insistere con qualcuno che non ci ama. Tuttavia il dolore è una fase fondamentale nel processo di accettazione della fine di una relazione. Dopo un’iniziale negazione della realtà – avvalorata dalla speranza che muove una persona innamorata – c’è la fase del dolore. Una fase lenta, sofferta. La più terribile emotivamente per una persona innamorata, ma anche la più necessaria. Solo toccando veramente il fondo sarà possibile destarsi dalla propria vana illusione di una riconciliazione e quindi ricominciare a vivere. L’accettazione è la fase più matura di questo processo. Subentra per inerzia. Quando una persona di soffrire proprio non ce la fa più, di prendersi in giro e di essere presa in giro proprio non ci riesce.

L’amore che si accende e si spegne a intermittenza presto si fulmina.
Dino Basili

E’ la fase il cui lentamente la sicurezza dell’innamorato riaffiora, perchè ci si rende conto di meritare una persona diversa al proprio fianco e soprattutto si capisce finalmente di non avere nulla di sbagliato, ma di aver solo fatto un grande errore nel fidarsi di qualcuno che ha sapientemente usato le sue debolezze per tenerlo saldamente legato a sé. Non lo ha fatto per amore. Persone così lo fanno per gratificare il proprio ego, per un accrescimento della loro autostima.

Chi è troppo pieno di sé non ha spazio per gli altri.

Bisogna imparare a fare spazio quando qualcuno incasina la nostra vita. Bisogna avere coraggio. Non bisogna accettare una situazione che ci fa stare male, solo perchè si ha paura di un futuro incerto. L’amore non finisce, soprattutto quando è stato vero e forte, ma arriva un momento in cui aspettare quel qualcuno che – nonostante tutto – ti fa battere ancora il cuore è un delitto verso se stessi. Non ho smetto di amarti. Ho smesso di aspettarti, perché sono troppo impegnata con me stessa.

Per ogni amore difficile c’è un altro amore più grande che sta fra un battito e l’altro del cuore.
Romano Battaglia

Riproduzione Riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’errore più grande di molte donne? Amare un uomo prima di amare se stesse.

Il segno più passionale? LO SCORPIONE!