in

L’errore più grande di molte donne? Amare un uomo prima di amare se stesse.

E’ la lezione più dura da imparare. Durissima soprattutto per quelle donne che – per natura – tendono a darsi completamente agli altri in una relazione. Esistono infatti molte donne che -caratterialmente troppo buone e disponibili verso il prossimo – si lasciano andare a cuore aperto nei rapporti interpersonali. Amare profondamente qualcuno – per queste donne – è una ragione di vita. 

Vivere la propria vita senza amore equivale a non vivere… Buttarsi in una relazione – senza freni, senza ‘maschere’ – è rischioso. Si finisce con lo scottarsi il cuore e farsi così male quando il cuore è così scoperto è un suicidio.

Per la sua natura sensibile ed altruista una donna tende spesso a mettere i propri affetti al primo posto: famiglia, amici, marito, figli…  Eppure dietro il suo meraviglioso ruolo di mamma, moglie, figlia, c’è una donna ricca di sogni e speranze, che per il momento ha accantonato ma che non vedono l’ora di venire alla luce.

Il concetto è espresso egregiamente da questa riflessione tratta dal libro Donne che amano troppo, un libro scritto negli anni ‘70 dalla psicoterapeuta americana Robin Norwood, edito in Italia da Feltrinelli.

Molte donne commettono l’errore di cercare un uomo con cui sviluppare una relazione senza aver sviluppato prima una relazione con se stesse. Corrono da un uomo all’altro, alla ricerca di ciò che manca dentro di loro; la ricerca deve cominciare all’interno di sè. Nessuno può amarci abbastanza da renderci felici se non amiamo davvero noi stesse, perché quando nel nostro vuoto andiamo cercando l’amore possiamo trovare solo altro vuoto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mi amo troppo per stare con chiunque.

Non ho smesso mi amarti, ho smesso di aspettarti.